Menu
Carrello

ATTENZIONE: Vinclick resterà attivo come sempre 7/7 - 24/24, anche durante il periodo estivo. Spedizioni e consegne saranno però sospese dal 4 al 22 agosto compresi. 

Tutti gli ordini ricevuti durante questo periodo verranno messi in preparazione a partire dal 23 agosto.

Ormeasco di Pornassio DOC 2019 - Ramoino

Ormeasco di Pornassio DOC 2019 - Ramoino
Novità
Scheda
Produttore Ramoino
Regione Liguria
Tipologia Rosso fermo
Classificazione Ormeasco DOC
Anno 2019
Formato 0.75
Grado alcolico 12.5%
Vitigni 100% Ormeasco
Caratteristiche
Colore Rosso rubino vivo
Profumo Vinoso, gradevole di frutta rossa matura
Sapore Asciutto, caldo, con tannini in piacevole evidenza da giovane, più morbidi con qualche anno di affinamento
Abbinamenti Piatti di carne, ragù, ravioli ripieni
Ormeasco di Pornassio DOC 2019 - Ramoino
13,30€
Tasse escluse: 10,90€
  • Stock: Disponibile

Vino della tradizione ligure

L’Ormeasco, un gemello del Dolcetto piemontese, che in Valle Arroscia ha cambiato profumo e sapore, ha una storia secolare. Furono i Clavesana a volerlo impiantare già nel 1303. E imposero anche delle regole, come la data della vendemmia e della vinificazione. Per i ladri di uva si poteva arrivare anche alla condanna a morte. Ma l’Ormeasco è anche il vino che ha “ispirato” (alcolicamente parlando) la rivoluzione giovanile del ’68.

Nel 1957, a Cosio d’Arroscia, infatti, arrivarono da Albissola, un gruppo di artisti e intellettuali (tra cui Guy Debord, francese, ispiratore e guru del ’68 parigino) per festeggiare un amico, Piero Simondo, appena sposato a Cosio. Assieme a lui Michèle Bernstein, Asger Jorn, Pinot Gallizio, Pegeen Guggenheim e Ralph Rumney, Walter Olmo. A Cosio scrivono il manifesto del Situazionismo, movimento artistico e politico che caratterizza gli Anni ’60 (e ancora oggi ha grande influenza).


L’uva eclettica

Arte, politica e vino in quella settimana del 1957. Certo, l’Ormeasco bevuto dai fondatori del Situazionismo è totalmente diverso di quello di oggi. Se all’epoca si distribuiva in damigiane, era il vino delle osterie di Albenga e Imperia (in quella settimana del 1957 addirittura le due osterie del paese scesero a Pornassio ad acquistarne ancora, perché quei giovani avevano terminato tutte le scorte in cantina, dicendo però che le vigne di Cosio, oggi inesistenti, erano tra le più ricercate), oggi è un vino ricercato, eclettico, che si può vinificare in rosso, può essere Superiore, spumante, passito, sciac-e-tra. Ed il nostro è una coccola!